domenica 25 marzo 2018

Valle del fiume Draa, da Zagora ad Ouarzazate


Partendo dal profondo e arido sud il nostro itinerario prosegue verso i monti centrali inoltrandosi nella Valle del Draa chiamata anche Valle delle mille Kasba. Il Draa è il fiume più grande del Marocco, costeggiato da villaggi berberi, montagne e un palmeto rigoglioso lungo più di 200 chilometri. 


Zagora, il nostro punto di partenza, celebre per il suo cartello "Timbuctu 52", è la città che sorge a ridosso delle prime vere dune del deserto, una città cruciale in passato per il passaggio delle carovane. La faticosa attraversata del Sahara regalava la sorpresa di una strada ricca di oasi e di kasbe ospitali e fresche in cui potersi fermare per riposare e approvvigionarsi. 


Entrati nella Valle del Draa la nostra destinazione finale Ouarzazate si faceva sempre più vicina. La bellezza di questa valle vanta tante fortificazioni diventate Patrimonio dell'Umanità Unesco e famose per una serie interminabile di film hollywoodiani girati. 

Vi consiglio di fare un salto nel villaggio di Ait Benhaddou, una ksar nel quale sono state fatte le riprese di alcuni bellissimi film, per citarvene alcuni: Il Gladiatore, Prince of Persia, Lawrence D'Arabia, Game of Thrones, Star Wars e molti altri. Incredibile vero? La Kasba vive ormai grazie al turismo e all'industria cinematografica, una realtà un pò triste che però vista attraverso uno schermo si trasforma in qualcosa di epico. 


L'area di Ouarzazate è famosa anche per essere la Valle delle Rose, interi acri di rose che vengono raccolte in primavera. Le rose sostengono parte dell'industria cosmetica del Marocco e rappresentano un passo importante per la società: a maggio durante la festa della rosa i berberi delle montagne scendono in città per presentare la loro figlia più bella.


Lungo il percorso, vicino a Skoura, sede del nostro Riad Les Jardins, ci siamo inoltrati in un paesaggio di terra rossa ricco di oleandri e caverne, abitazioni tipiche dei berberi più radicali della zona. 
La nostra visita nei pressi di Ouarzazate si è conclusa con le Gole del Todra, un canyon suggestivo che sprigiona tutta la sua bellezza nella parte più alta. Con tutta onestà e la mia solita schiettezza penso di aver visto gole e canyon decisamente molto più belli, per me sono state una delusione.

Queste gole vi consiglio di visitarle solo se sono di strada, immortalarle vi lascerà una bellissima foto ricordo (proprio come l'immagine iniziale di questo post) ma se dovete impiegarci delle ore o sacrificare altre zone del Marocco eliminatele subito dal vostro tour. 


Se volete leggere il tour completo vi consiglio questo articolo: 

↟ THE END ↟


SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. PRIMA DI COMMENTARE consulta la privacy policy per ulteriori informazioni.

pipdig