giovedì 30 novembre 2017

Cosa vedere a Bologna in un giorno tra caffetterie e verde


Bologna, una delle tante città medievali italiane da dover visitare assolutamente. La città offre un centro ricco di attrattive per tutti i gusti. Se siete appassionati di storia potrete visitare le famose piazze, la più famosa è Piazza Maggiore, la basilica di San Petronio, le chiese e le bellissime torri  degli asinelli inclinate al punto giusto per dare quel senso di instabilità architettonica. Se adorate passeggiare o fare shopping vi consiglio il viaggio in treno: dalla stazione iniziano le gallerie dei primi negozi per poi svilupparsi in tutte le vie della città. 

Se siete food addicted Bologna è la città giusta perchè offre tanti posticini dai più moderni e salutari a quelli tipici nel quale potrete assaggiare tigelle, salumi e tortelliniSe invece siete come me e volete unire tutte queste tipologie allora questo è il post giusto per voi: vi racconterò cosa vedere in un giorno a Bologna tra passeggiate, chiacchere e buon cibo. 


Quando parto per Bologna opto quasi sempre per il treno perché con solo un'ora di percorso e pochi euro si riesce a raggiungere la città senza il delirio del "dove parcheggerò". La stazione non è molto distante dal centro e una volta scesi il fiume di persone vi dirigerà verso le gallerie dei negozi; Le stesse gallerie che vi porteranno direttamente in piazza Maggiore. 


Arrivati in piazza vi consiglio subito di dirigervi in uno dei punti più curiosi della città: Voltone del Podestà (proprio sotto il palazzo del Podestà). Si tratta di un giochino per il quale bisogna essere in più di una persona. Dentro questo voltone, precisamente al centro, si vedono delle colonne. Se siete in due posizionatevi ognuno nella colonna opposta diagonalmente. Rivolgete la faccia contro la pietra della colonna e provate a parlarvi, sentirete chiaramente la voce del vostro compagno di gite! Incredibile! Se siete curiosi e volete leggere altri segreti su Bologna vi lascio un link a fine del post. 


Per pranzo vi consiglio un posticino centralissimo e salutare: Botanica Lab. Questo ristorante cavalca il trend del momento e vi permette di mangiare cose deliziose con ingredienti super healthy. Il menù al vostro arrivo vi sembrerà limitato ma questo perché solitamente aggiungono tantissimi fuori menù di stagione. I piatti sono ricchi di verdure e di semi, elementi per il quale io vado matta! Non amo cucinare, ma amo mangiare e quando cucino voi non potete capire quanti semi a caso io aggiunga. Da quando mi sono trasferita e vivo sola la dispensa più fornita è la bacheca delle spezie e dei semi. Il punto forte? i semi di sesamo! 


Dopo questo leggero pranzetto siamo ripartite per una bella passeggiata. La passeggiata in centro ci ha condotte alla nostra prossima tappa ristorativa: Vetro un ristorante dentro le serre dei giardini Margherita.  Quando visito le città in giornata mi piace assaporare (voi penserete al cibo visto che vi sto raccontando solo di quello) l'atmosfera, vivere come una del posto. Mi chiedo sempre quando mi sposto: cosa farei se abitassi qui? Mi piace molto la storia ma non riesco a visitare per ore e ore i monumenti. Mi piace scoprire nuovi locali e assaggiare cose che normalmente non assaggerei a casa, ma cosa che amo fare in assoluto è passeggiare. Per essere un mio compagno di viaggio la regola numero uno è: avere delle buone gambe per camminare!


I giardini e le serre di Bologna distano soli 15 minuti a piedi dal centro ma vi consiglio di visitarli anche senza fame o sete. Andateci perché potrete fare una pausa dall'asfalto e vivere un pò di verde. Potrete camminare in mezzo ad alberi molto belli, orti, serre e fiori. Questa camminata ultra calorica l'ho affrontata con una mia carissima amica Giulia: complice dei miei stessi gusti, avvocato in carriera ed instagrammer. 


Curiosissime di raggiungere il nostro ristorante, una volta arrivate siamo rimaste a bocca aperta. Non si tratta di un ristorante di lusso, no no, si tratta di un perfetto matrimonio tra natura e la nostra cultura. Noi siamo cresciute in una piccola città veneta di campagna e tutto ciò che ricorda una serra, i campi e fa respirare del verde ci fa sentire a casa e caccia via ogni forma di stress. 


Vetro è bello sia fuori che dentro. All'interno troverete una bellissima saletta moderna, libri ovunque e un angolo con caffetteria e dolci del giorno. Il menù è limitato a pochi piatti perché vengono cambiati molto spesso.


Dopo il nostro secondo pranzetto ci siamo spostate fuori dal ristorante con un bel caffè in mano per poterlo gustare all'aperto tra studenti, famiglie e stranieri. 


Dopo il delizioso pranzetto e mille foto ai giardini siamo tornate in centro per un giretto. Il nostro treno sarebbe partito nel tardo pomeriggio e impaurite per non aver assunto sufficienti calorie non ci siamo fatte mancare l'ultima tappa dolce: Missbake, una piccolissima bakery americana che offre dolci golosissimi in chiave vegan e non.  Il mio dolce preferito? carrot cake con ganache al cioccolato e caramello salato!


Per i più curiosi: I setti segreti di Bologna

↟ THE END ↟



SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. PRIMA DI COMMENTARE consulta la privacy policy per ulteriori informazioni.

pipdig