giovedì 30 novembre 2017

Cosa vedere a Bologna in un giorno tra caffetterie e verde


Bologna, una delle tante città medievali italiane da dover visitare assolutamente. La città offre un centro ricco di attrattive per tutti i gusti. Se siete appassionati di storia potrete visitare le famose piazze, la più famosa è Piazza Maggiore, la basilica di San Petronio, le chiese e le bellissime torri  degli asinelli inclinate al punto giusto per dare quel senso di instabilità architettonica. Se adorate passeggiare o fare shopping vi consiglio il viaggio in treno: dalla stazione iniziano le gallerie dei primi negozi per poi svilupparsi in tutte le vie della città. 

Se siete food addicted Bologna è la città giusta perchè offre tanti posticini dai più moderni e salutari a quelli tipici nel quale potrete assaggiare tigelle, salumi e tortelliniSe invece siete come me e volete unire tutte queste tipologie allora questo è il post giusto per voi: vi racconterò cosa vedere in un giorno a Bologna tra passeggiate, chiacchere e buon cibo. 
SHARE:

lunedì 27 novembre 2017

Dal porto di Cordova al ghiacciaio Childs


Cordova è stata una piccola sorpresa: una città che offre un vasto e intrinseco panorama naturalistico, del buonissimo pesce e tantissime escursioni e avventure da affrontare. Come avrete letto negli scorsi post (se lo avete fatto realmente vi ringrazio) per ogni meta siamo partiti organizzati dall'Italia, ogni escursione è stata pensata in base al budget, al tempo e al divertimento. Ecco, Cordova è stata l'unica meta pensata all'ultimo minuto sul posto.
SHARE:

martedì 21 novembre 2017

Kennicott, una miniera incastrata tra ghiaccio e montagne del Wrangell St. Elias


Kennicott è un piccolo villaggio di minatori famoso per il suo rame, nascosto tra le montagne del Wrangell St. Elias e l'imponente ghiacciaio. Questa è stata una tappa fortemente voluta perché offre: storia, paesaggio e attività adrenaliniche super interessanti. Il paese è costituito da: un unico lodge nel quale potrete dormire la notte, alcuni negozietti e due agenzie per le attività turistiche. Partendo con ordine vi racconto in primis della nostra visita alla miniera diroccata. 
SHARE:

mercoledì 15 novembre 2017

Gli orsi del Katmai, dal Brooks Camp alla caccia ai salmoni


La riserva del Katmai fa parte dei tanti parchi nazionali americani, una perla rara di fauna selvaggia importantissima per l'osservazione e la ricerca. Potete visitare la riserva giornalmente o alloggiarci per quanti giorni desideriate. Il viaggio prevede due tratte in Cessna Idrovolante, un'esperienza bellissima che vi farà sentire veramente in Alaska
SHARE:

martedì 14 novembre 2017

Il villaggio di Girdwood e il fiume d'oro


Girdwood è stato uno di quei paesini scoperti per caso e dopo tante letture. Si tratta di un tipico villaggio della corsa all'oro che si affaccia sul famoso fiume Riley Creek.  Il villaggio è un agglomerato di costruzioni in legno perfettamente mantenutesi nel tempo: fiori,  colori e oggetti hanno creato uno scenario da poter incorniciare e memorizzare come sfondo nei propri occhi. 
SHARE:

domenica 12 novembre 2017

Kayak nei fiordi della penisola del Kenai


Kayak nei fiordi è stata una delle avventure più divertenti e fisicamente provanti fatte durante il viaggio in AlaskaPer ogni tappa del viaggio ci siamo prefissati delle escursioni uniche, a Seward abbiamo scelto di mangiare un sandwich in kayak davanti ad un immenso ghiacciaio. Esiste qualcosa di più strano e divertente? 

Se vi piacciono le avventure, se amate la natura e se vi piace lo sport vi consiglio assolutamente di salire su una canoa come la nostra e remare!
SHARE:

venerdì 10 novembre 2017

Come preparare lo zaino: la checklist del backpacker


Il dilemma di sempre che angustia tutti noi prima di una partenza si chiama bagaglio. Esistono tante tipologie di viaggio, dalla scelta della meta alla scelta del trasporto. I viaggi Outdoor che prevedano notti in tenda o avventure on the road necessitano di una lista abbastanza standard da infilare dentro lo zaino da trekking.
SHARE:

martedì 7 novembre 2017

Denali National Park tra alci ed alberi


Non potevo immaginare un' esperienza cosi neanche in un bel sogno. Il Denali National Park è un cuore pulsante e selvaggio ricco di animali selvatici. 
Abituata ai sentieri italiani il trekking in Alaska è stato così sincero da sorprendermi passo dopo passo, i cartelli allarmavano di continuo sulla presenza di grossi animali selvatici ma con tutta onestà pensavo si trattasse di quei cartelli che si vedono anche in Italia: presenza di cervi o mucche, fate attenzione! In tutti i tratti e sentieri che ho percorso penso di non aver mai visto un animale neanche lontanamente: che saltasse, si muovesse o esistesse.  

Programmare il viaggio in Alaska è stato entusiasmante, il pensiero di partire per un paese così selvaggio mi ha fatto fantasticare sul fatto che questo paese non fosse proprio attrezzato. Pensieri che poi sono svaniti durante il viaggio! L'Alaska è molto semplice da percorrere in auto perché vanta di ben poche strade percorribili... insomma impossibile perdersi! La strada per il parco è lineare, una volta arrivati bisogna raggiungere il Riley Creek per la registrazione della postazione Outdoor e, vi consiglio vivamente,  di prenotare il vostro campeggio online perché questo parco attira tantissimi amanti della natura! 


SHARE:

domenica 5 novembre 2017

Talkeetna e il vero spirito del nord america


Talkeetna è uno di quei villaggi che rappresenta perfettamente lo spirito del Nord America. Come paese lo definirei strambo al punto giusto, al punto da aver eletto un gatto per sindaco di nome Stubbs. La filosofia spiritosa degli abitanti si riflette in qualsiasi punto: case in legno coloratissime, corna,  palchi, cartelli, alci di tutte le dimensioni, truck food e tante attività di svago.
SHARE:

giovedì 2 novembre 2017

Alaska on the road tra natura selvaggia e solitudine


Un mese on the road in Alaska: un viaggio alla scoperta della natura selvaggia, di panorami solitari e mozzafiato. Consigliato per tutti i viaggiatori che, come me, hanno bisogno di ritrovare se stessi

L'Alaska è lo stato più esteso degli Stati Uniti ma anche il meno popolato. Metà della popolazione vive concentrata nella città più strutturata di questo colosso nord americano: Anchorage; tappa di partenza del mio viaggio. Partire per questo viaggio è stato come avverare un sogno e proprio perché è stato il mio viaggio preferito, ma anche il più sudato, ho deciso di legarmi a questo ricordo chiamando il mio blog "Take me to Alaska". La programmazione di questo viaggio è stata costante tutti i giorni per un mese, volevo partire pronta e attrezzata, risultato finale? un viaggio bellissimo. L'unico punto sfavorevole è stato il brutto tempo che, come in tutti i miei viaggi, mi ha accompagnato! Parlando con la gente del posto, perennemente sotto una pioggia persistente, ad ogni mio pensiero negativo ricevevo un sorriso sarcastico accompagnato da queste parole: "se piove noi ci sentiamo a casa, la foresta ha bisogno della pioggia e noi amiamo la nostra natura". Parole cosi sagge.. che dopo alcuni giorni mi hanno fatto ragionare su quanto fosse stupido sentirsi tristi per una cosa così ovvia: "Siamo in Alaska Andrea! Un cuore verde pulsante, deve piovere!"
SHARE:
pipdig